venerdì 29 ottobre 2010

Napoli-Milan: decide l'arbitro Rizzoli

Premesso che non ho postato il commento subito dopo l'incontro, come spesso accade in ogni partita del Napoli, o quasi, il tutto per il troppo dispiacere accumulato durante e dopo la partita Napoli-Milan del 25 ottobre, finita come già sapete 2-1 per i rossoneri. A mente fredda si ragiona meglio, e si e commenta la giusta osservazione di ciò che ha detto realmente il campo e non i giornalisti. Il Napoli visto vs il Milan nei primi 25' è la controfigura del brutto del calcio. Senza grinta e senza stimoli. Il Milan al contrario ha effettuato possesso palla (lento e macchinoso e senza impensierire più di tanto De Sanctis) fino al gol di Robinho. Da quel momento si è vista un altra partita. Napoli aggressivo e pressing a tutto campo fino allo scadere del 1°tempo, quando Michele Pazienza, viene espulso "giustamente" dall'arbitro per 2 falli di mano a distanza di 8' e lascia la squadra in 10 vs 11, per tutta la ripresa. Nel secondo tempo ti aspetti il Milan dilagare sul Napoli e invece il Milan viene chiuso nell'area e martellato alle costole per tutto il 2°tempo. Napoli arrempante, veloce con grinta e cuore a tutto spiano. Il gol di Lavezzi del 1-2 è da cineteca e merita di essere raccontato. Palla lunga, scatto del pocho che tra 2 difensori rossoneri cade in area, si rialza e in mezzo ai difensori e Cavani, con Abbiati a 5 cm, schiaffeggia il pallone da sotto, lo alza sulla testa del portiere e lo infila sotto la traversa. Che dire! 1 gol alla Diego Armando Maradona, solo lui poteva riuscire a fare certe cose. 1 gol da fenomeno, il gol dell'anno in assoluto. Detto questo e ritornando sulla gara, mentre il Napoli spingeva alla ricerca dei gol per tutto il 2°tempo, c'è stata un altra partita che si è giocata nello stesso tempo. Quella dell'Arbitro Rizzoli, che espelle come detto Pazienza e fa giocare tutta la partita il Milan in 11. C'erano almeno 2 espulsioni per doppia ammonizione, una su Robinho già ammonito, reo di una plateale simulazione con Aronica e che scaturisce anche una rissa in campo. L'altra di Papastadopulos che commette 2-3 falli da cartellino giallo e non sansionato x la seconda volta. Detto questo è inaccettabile che il Napoli giochi le partite casalinghe senza cattiveria. L'arbitro è stato sicuramente determinante x alcune decisioni sbagliate, ma nulla toglie che gli azzurri non hanno cattiveria e non si fanno rispettare dagli avversari. Gattuso minaccia ripetutamente Hamsik e company, Ibra che voleva picchiare Iezzo, Bonera, Pirlo e Nesta che picchiano a più non posso e i giocatori azzurri, inermi senza batter ciglio hanno lasciato i 3 punti in campo. Questo Napoli, più che di giocatori necessita di cattiveria e esperienza. Certe partite si vincono così, anche giocando male. Allegri è un allenatore squallido e bugiardo, stile Milan. Ha visto un altra partita, in quanto ha affermato che a lui il Milan è piaciuto e il Napoli ha creato qualche azione su errori loro. Bene, ricordo a quella nullità di allenatore, che i 2 gol del Milan sono errori macroscopici della difesa azzura e per di più fatti in contropiede. A Mazzarri vorrei dire tante cose, ma una particolare prevale su tutte: perchè Yebda sulla fascia destra? Perchè questo Napoli inizia a giocare bene solo dopo aver preso gol?Per quale motivo si ostina a far giocare Maggio nonostante le pessime prestazioni da inizio campionato, sfiduciando lo stesso Zuniga che riesce a fare anche peggio?A voi le conclusioni.